La differenza tra gli impianti a uno e due tubi

riscaldamento monotubo o a due tubi

L’impianto a vapore è una valida alternativa da scegliere quando si parla di riscaldamento. Bisogna essere tuttavia consapevoli che esistono due sistemi di utilizzo: monotubo o a due tubi. Comprendiamo le differenze del riscaldamento monotubo o a due tubi.

Impianto a un tubo

Negli impianti a vapore a un tubo, il vapore scorre dalla caldaia ai radiatori. L’aria fredda esce da uno sfiato, che si chiude automaticamente quando il radiatore è pieno di vapore. L’energia termica del vapore viene quindi trasferita all’ambiente. Intanto il vapore si raffredda e si condensa in acqua, che si raccoglie sul fondo del termosifone, per poi tornare a scorrere attraverso lo stesso tubo singolo.

Da questa descrizione si evince che dallo stesso tubo scorrono sia vapore che acqua, ma in direzioni opposte. Esso deve quindi avere un largo diametro, che caratterizza questo tipo di impianto, rendendolo riconoscibile con una breve occhiata.

A causa del design meno accattivante e dell’inferiore praticità di questo sistema, l’impianto monotubo, diffusissimo in passato, è oggi poco utilizzato, e solo in alcune aree geografiche. In Italia è difficile trovarlo, spesso soppiantato dall’alternativa a due tubi.

Come funzionano le valvole termostatiche

Esempio di un impianto monotubo


Impianto a due tubi

Il procedimento di questo tipo di impianto è molto simile a quello già menzionato: il vapore fluisce dalla caldaia ai radiatori e, una volta condensatosi, vi ritorna. Ciò avviene tuttavia attraverso due tubi differenti, uno di ingresso e uno di uscita.

Dunque è possibile riconoscere questo sistema dalla presenza di due tubi. Inoltre sono necessari più accessori per la riuscita del processo di riscaldamento. Il vapore entra nel radiatore attraverso una valvola di controllo. Il detentore permette prima all’aria e poi all’acqua di uscire, ma durante il riscaldamento vero e proprio assicura anche che il vapore rimanga intrappolato all’interno del radiatore.

La valvola può essere manuale o termostatica. La prima è più economica ma impegnativa da gestire, mentre la seconda è più costosa ma aggiunge comfort e controllo, oltre che permettere di risparmiare sulle bollette.

riscaldamento monotubo o a due tubi

Esempio di un impianto a due tubi


Riscaldamento monotubo o a due tubi: quali radiatori si adattano?

Esistono numerosi tipi di radiatori, soprattutto classificati in base al materiale (di alluminio, acciaio…). Quello più adatto al riscaldamento a vapore è la ghisa. Il vapore infatti sottopone il sistema a molte sollecitazioni: forti sbalzi di temperatura, condizioni acide o alcaline e addirittura forti urti dovuti ai colpi di vapore.

La ghisa forma anche una patina di ruggine passiva che protegge la maggior parte del materiale da un’ulteriore ossidazione. Dunque dura molto di più di un sottile strato, ad esempio, di acciaio. La nostra gamma di termosifoni in ghisa è molto vasta: puoi consultarla cliccando qui.

Related Posts

Leave a Reply

Contattaci!

Se queste ispirazioni ti sono state d’aiuto e vuoi rendere anche la tua casa più elegante, accogliente e funzionale grazie ai nostri radiatori, visita i prodotti o richiedi informazioni!

Recent Works

Caratteristiche di vulcan radiatore in ghisa
caratteristiche di Emmeline termosifone in ghisa
caratteristiche di grace radiatore in ghisa
caratteristiche di Mercury termosifone in ghisa
Emmeline radiatore in ghisa lifestyle
Emmeline radiatore in ghisa lifestyle
Grace radiatore in ghisa lifestyle
Come arredare casa con Mercury
mercury radiatore in ghisa lifestyle

Commenti recenti